Erbicidi vietati in Europa, venduti in Africa

Pubblicato il 24 Giugno 2017 da pellisintetiche.
Categorie: Primo piano, Società.

    

Si chiama atrazina ed è un erbicida economico, diffuso dagli anni ’60 e utilizzato soprattutto sul mais e sulla canna da zucchero. Dal 2004 l’Unione Europea lo ha bandito per la sua tossicità, ma i paesi della Ue continuano ad esportarlo. Tra i destinatari di questa sostanza c’è anche l’Africa: dal Benin al Camerun, dall’Etiopia al Kenya, dal Marocco alla Nigeria. Le mete africane privilegiate di questo pesticida sono però Sudafrica e Sudan.

   

A portare a galla la questione è stata l’ong svizzera Public Eye che ha denunciato in un rapporto le esportazioni elvetiche di atrazina e di un altro potente diserbante, noto con il nome commerciale di paraquat, di cui sono vietati l’utilizzo e la commercializzazione in tutta l’Unione Europea. Secondo (continua…)

Il vero record di Renzi: sestuplicato l’export di armamenti

Pubblicato il 20 Giugno 2017 da pellisintetiche.
Categorie: Primo piano, Società.

 

Lo sa, ma non lo dice in pubblico. E la notizia non compare né sul suo sito personale, né sul portale “Passo dopo passo” e nemmeno tra “I risultati che contano” messi in bella mostra con tanto di infografiche da “Italia in cammino”. Eppure è stata la miglior performance del suo governo. Nei 1024 giorni di permanenza a Palazzo Chigi, Matteo Renzi ha raggiunto un primato storico di cui però, stranamente, non parla: ha sestuplicato le autorizzazioni per esportazioni di armamenti. Dal giorno del giuramento (22 febbraio 2014) alla consegna del campanellino al successore (12 dicembre 2016), l’esecutivo Renzi ha infatti portato le licenze per esportazioni di sistemi militari da poco più di 2,1 miliardi ad oltre 14,6 miliardi di eurol’incremento è del 581% che significa, in parole semplici, che l’ammontare è più che sestuplicato. Una vera (continua…)

Rai 3, Caro marziano – “Contro la ‘ndrangheta”

Pubblicato il 14 Giugno 2017 da pellisintetiche.
Categorie: Primo piano, Società.

Video importato

 

 ”La ’ndrangheta non è solo ingiusta, ma è inutile a se stessa.”

“I migliori cambiamenti sono quelli dove tutti vincono. è meglio ‘con-vincere’, cioè vincere insieme.”

“La ‘ndrangheta ha capito che può crescere se non gode di eccessiva pubblicità, di conseguenza questo è un modo con cui noi ci difendiamo.”

Pif incontra il responsabile di una cooperativa sociale nel cuore della Calabria. Questa realtà è fatta di persone che hanno un unico scopo: il cambiamento, in un territorio oppresso dalla ‘ndrangheta. (continua…)

“Sperduti” e “invisibili”: l’odissea dei minori migranti non accompagnati

Pubblicato il 11 Giugno 2017 da pellisintetiche.
Categorie: Primo piano, Società.

 

Il nostro occhio il più delle volte non li registra. Eppure ci sono: bambini soli che vivono per strada, costretti a dormire in tuguri sporchi e maleodoranti, tra i topi e i sacchetti della spazzatura, spesso vittime di sfruttamento e abusi. Nel centro di Roma, alla stazione Termini dove “ogni giorno passano 500 mila persone”, un importante documentario intitolato “Invisibili” e un’inchiesta pubblicata sull’Espresso delle stesse autrici avevano di recente raccolto le loro storie e immagini, insieme a quelle di tanti altri minori migranti arrivati in Italia da soli. Perché i rischi che corrono molti di loro, in particolare coloro di cui poi si perdono le tracce, sono proprio questi: tratta, abuso, criminalità, violenza, caporalato colpiscono questi “vulnerabili tra i vulnerabili”, partiti dal loro paese in cerca di un futuro migliore e costretti, anche una volta giunti in Italia, a vivere esperienze che nessun bambino dovrebbe mai sperimentare. Secondo il nuovo (continua…)

Rai 2, Nemo – Nessuno escluso: La Turchia che resiste al dittatore

Pubblicato il 25 Maggio 2017 da pellisintetiche.
Categorie: Primo piano, Società.

Video importato

  

Nella Turchia di Erdogan, c’è chi ha deciso di votare “no” al referendum costituzionale, a costo di subire ripercussioni. Valentina Petrini e Riccardo Cremona hanno incontrato alcuni di loro, viaggiando tra Istanbul e il Kurdistan turco. Un servizio di Valentina Petrini con Alberto Tetta, Riccardo Cremona, Emanuele Piano e Michele Castelli, Chiara Dainese. (continua…)

Libertà di stampa, Africa a geometria variabile

Pubblicato il 13 Maggio 2017 da pellisintetiche.
Categorie: Primo piano, Società.

 

I poteri forti minacciano sempre più la libertà della stampa, che ha subìto un generico deterioramento a livello globale negli ultimi 12 mesi. La libertà dei media nelle 180 nazioni esaminate nel rapporto annuale di Reporter sans frontières non è mai stata così minacciata e “l’indicatore globale” di censura non è mai stato così alto. Ma nel complesso, rispetto al passato, i paesi africani hanno migliorato le loro posizioni.

 

“Siamo in un mondo dove gli attacchi ai media e all’informazione sono ormai cosa comune e i poteri forti sono in crescita. È l’era della post-verità, della propaganda e della repressione delle libertà, (continua…)

Rai 3, Gazebo (Social News) – Rogo di Centocelle

Pubblicato il 11 Maggio 2017 da pellisintetiche.
Categorie: Primo piano, Società.

 

Rai 3, Gazebo (Social News)  - Puntata del 10/05/17

 

(continua…)

Rai 2, Nemo – Nessuno escluso: Ragazzi fantasma che vivono nei tombini

Pubblicato il 7 Maggio 2017 da pellisintetiche.
Categorie: Primo piano, Società.

 

Video importato

YouTube Video

 

Vivono nei tombini di Odessa, nascosti come fantasmi, la popolazione li considera al pari di topi che escono dalle fogne. Ma sono ragazzi. Il reportage di Antonella Spinelli e Giacomo del Buono con Luca Manes. (continua…)

La guerra passa, le mine…no

Pubblicato il 27 Aprile 2017 da pellisintetiche.
Categorie: Primo piano, Società.

Come ci ricorda l’ONU in occasione del 4 aprile, la Giornata mondiale per la promozione e l’assistenza all’azione contro le mine, “Mine e ordigni bellici continuano a uccidere o ferire migliaia di persone ogni anno”. In attesa dei dati ufficiali per il 2016, secondo l’ultimo rapporto dell’International Campaign to Ban Landmines (Icbl), nel 2015 il numero dei morti e dei feriti causati da questo tipo di ordigni è aumentato del 75%, raggiungendo quota 6.461. È la cifra più alta degli ultimi dieci anni e come sempre tre vittime su quattro sono civili, quattro su dieci sono bambini, spesso colpiti dopo la fine di un conflitto. Per (continua…)

Hope

Pubblicato il 22 Aprile 2017 da pellisintetiche.
Categorie: Argomenti vari.