BASTA

Pubblicato il 18 Agosto 2016 da pellisintetiche.
Categorie: Argomenti vari.

Australia, trattamento stile-Guantánamo per detenuti minorenni aborigeni

Pubblicato il 15 Agosto 2016 da pellisintetiche.
Categorie: Primo piano, Società.

Il 26 luglio il programma “Four corners” dell’emittente televisiva ABC ha trasmesso immagini sconvolgenti sui maltrattamenti riservati a detenuti minorenni aborigeni, dal 2010 al 2015, nel centro di detenzione giovanile Don Dale di Darwin, nei Territori settentrionali dell’Australia.

Le immagini mostrano gas lacrimogeni spruzzati, in una cella con scarsa ventilazione, contro cinque detenuti che iniziano a tossire suscitando le risate degli agenti penitenziari; un detenuto incappucciato e bloccato su una sedia di contenzione (continua…)

Earth Overshoot Day 2016

Pubblicato il 11 Agosto 2016 da pellisintetiche.
Categorie: Primo piano, Società.

Video importato

  

E’ possibile (continua…)

Afghanistan, 5250 vittime negli ultimi 6 mesi

Pubblicato il 8 Agosto 2016 da pellisintetiche.
Categorie: Primo piano, Società.

 

L’allarme lanciato da Save the children citando il Rapporto Onu: “Almeno 400 i bambini uccisi e 1.121 mutilati nel solo periodo tra gennaio e giugno 2016. Mai così tante vittime dal 2009.

  

Le vittime civili in Afghanistan, tra gennaio e giugno 2016, sono state 5.166 – a cui si aggiungono le almeno 80 dell’attentato alla manifestazione di Kabul di ieri (24/07/16 ndr) – con un incremento di più del 4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Ben 155mila afgani hanno dovuto abbandonare le proprie case nei primi sei mesi dell’anno, (continua…)

Turchia: i numeri della repressione

Pubblicato il 4 Agosto 2016 da pellisintetiche.
Categorie: Primo piano, Società.

 

Secondo il governo, durante il fallito colpo di stato sono state uccise almeno 208 persone e ne sono state ferite oltre 1400.

In seguito, sono state arrestate oltre 15.000 persone.

Oltre 45.000 persone sono state sospese o rimosse dall’incarico, tra le quali giudici, procuratori, funzionari di polizia e altre ancora.

Alla data del 28 luglio erano stati spiccati almeno 89 mandati di cattura nei confronti di giornalisti e, alla data del 26 luglio, oltre 40 giornalisti erano agli arresti. A decine di giornalisti è stato ritirato l’accredito-stampa.

Nei (continua…)

Il discorso di papa Francesco alla veglia della GMG 2016

Pubblicato il 1 Agosto 2016 da pellisintetiche.
Categorie: Primo piano, Società.

 

Cari giovani, buona sera! E’ bello essere qui con voi in questa Veglia di preghiera. Alla fine della sua coraggiosa e commovente testimonianza, Rand ci ha chiesto qualcosa. Ci ha detto: “Vi chiedo sinceramente di pregare per il mio amato Paese”. Una storia segnata dalla guerra, dal dolore, dalla perdita, che termina con una richiesta: quella della preghiera. Che cosa c’è di meglio che iniziare la nostra veglia pregando?

Veniamo da diverse parti del mondo, da continenti, Paesi, lingue, culture, popoli differenti. Siamo “figli” di nazioni che forse stanno discutendo per vari conflitti, o addirittura sono in guerra. Altri veniamo da Paesi che possono essere in “pace”, che non hanno conflitti bellici, dove molte delle cose dolorose che succedono nel mondo fanno solo parte delle notizie e della stampa. Ma siamo consapevoli di una realtà: per noi, oggi e qui, provenienti da diverse parti del mondo, il dolore, la guerra che vivono tanti giovani, non sono più una cosa  anonima, per noi non sono più una notizia della stampa, hanno un nome, un volto, una storia, una vicinanza. Oggi la (continua…)

Buona GMG!!

Pubblicato il 27 Luglio 2016 da pellisintetiche.
Categorie: Primo piano, Società.

(continua…)

Sud Sudan, è di nuovo guerra

Pubblicato il 16 Luglio 2016 da pellisintetiche.
Categorie: Primo piano, Società.

L’accordo di pace è durato un soffio. Si è rivelato un azzardo quello della comunità internazionale di tenere due eserciti nemici a Juba per portare la pace nel paese. Azzardo fallito. Da venerdì centinaia i morti, la maggior parte civili. Il presidente Salva Kiir ha proclamato il cessate il fuoco. Ma difficile che venga accolto.

 

Il quinto anniversario dell’indipendenza si è rivelato un triste momento per il Sud Sudan. Invece delle celebrazioni di rito che avrebbero dovuto svolgersi davanti al mausoleo di John Garang (il leader che aveva guidato il partito ora al potere, l’Splm, alla vittoria nella guerra di liberazione) i sudsudanesi hanno visto il paese sprofondare di nuovo nella guerra civile. La (continua…)

Italia: nuove spedizioni di bombe ai sauditi per bombardare lo Yemen

Pubblicato il 12 Luglio 2016 da pellisintetiche.
Categorie: Primo piano, Società.

  

Sono riprese, nel silenzio generale, le spedizioni di bombe aeree dall’Italia all’Arabia Saudita. L’informazione è confermata dal registro del commercio estero dell’ISTAT che riporta 123 quintali (Kg. 122.835) di “armi e munizioni” – ma di fatto sono bombe – per un valore di oltre 4,6 milioni di euro (€4.679.875) inviate nel mese di marzo all’Arabia Saudita dalla provincia di Cagliari. Spedizioni che risultano in aperto contrasto con la risoluzione del Parlamento europeo, approvata ad ampia maggioranza lo scorso marzo, che chiede di imporre un embargo sulle forniture militari all’Arabia Saudita in considerazione delle “gravi accuse di violazione del diritto umanitario internazionale da parte di tale paese nello Yemen”.

L’Europarlamento ha assunto questa decisione perché “gli attacchi aerei della coalizione militare a guida saudita nello Yemen hanno colpito bersagli civili, tra cui ospedali, scuole, mercati, magazzini cerealicoli, porti e un campo di sfollati, danneggiando gravemente infrastrutture essenziali per la fornitura degli aiuti”. “Dall’inizio del conflitto – si legge nel documento – sono state uccise almeno 5.979 persone, quasi la metà delle quali civili, e 28.208 sono rimaste ferite e tra le vittime si contano centinaia di donne e bambini”.

Dallo (continua…)

Same as it ever was…

Pubblicato il 8 Luglio 2016 da pellisintetiche.
Categorie: Musica, Primo piano, Società.

 

Video importato

 

“E’ tutto come è sempre stato, ma ci dev’essere una via migliore”, è quello che canta in questa canzone Michael Franti, che l’ha scritta nel 2014 dopo l’uccisione di Eric Garner. Di nuovo oggi viene da pensarlo che tutto sia come sempre, di nuovo e ancora la stessa violenza da parte delle forze dell’ordine contro i neri e dall’altra parte una vendetta altrettanto vile ed ingiustificabile perdipiù contro innocenti…Tutto da capo, tutto come sempre. Si continuano a sentire periodicamente vittime delle armi facili, dell’ingiustizia e delle discriminazioni razziali (anche a casa nostra), dei pregiudizi. Nulla sembra poter cambiare. A cosa (continua…)

echo '';